Identità e memoria collettive 

I film, le installazioni e le fotografie di Yael Bartana esplorano l’immaginario dell’identità e le politiche della memoria. Il punto di partenza è la coscienza nazionale propagandata dal suo paese d’origine, Israele. Centrali nel suo lavoro sono i significati impliciti in termini come “terra madre”, “ritorno” e “appartenenza”. Bartana li esamina attraverso le cerimonie, i rituali pubblici e gli intrattenimenti sociali che hanno l’obiettivo di riaffermare l’identità collettiva dello stato nazione.

Nei suoi progetti ambientati in Israele Bartana si è relazionata con l’impatto della guerra, con la ritualità militare e con un senso di minaccia che pervade la vita quotidiana. Tra il 2006 e il 2011 ha lavorato in Polonia, creando la trilogia And Europe Will Be Stunned, un progetto sulla storia delle relazioni ebreo-polacche e sulla sua influenza nell’odierna identità della Polonia. La trilogia ha rappresentato la Polonia alla 54° Biennale di Venezia nel 2011.

Bartana ha trascorso gli ultimi anni sperimentando ed estendendo il suo lavoro al mondo della cinematografia, con progetti come Inferno (2013), una “messa in scena” della distruzione del Terzo Tempio di São Paulo, True Finn (2014), che mette in discussione la questione dell’identità nazionale della Finlandia, Simone The Hermetic, un’installazione sonora site-specific ambientata nella Grusalemme del futuro e Tashlikh (Cast Off), una meditazione visiva in cui raccoglie oggetti personali che abbiano un legame con gli orrori del passato e del presente. I suoi ultimi lavori, What If Women Ruled the World e Bury Our Weapons, Not Our Bodies!, combinano ambientazioni fittizie e persone reali per configurare uno specifico settore di azione e, allo stesso stempo, esplorare alternative possibili a un mondo dominato dagli uomini e dalla percezione tradizionale del potere.

 

VIDEO, FOTOGRAFIA, IDENTITÀ E MEMORIA COLLETTIVE

Docenti

YAEL BARTANA

YAEL BARTANA

Yael Bartana è nata nel 1970 a Kfarr Yehezkel in Israele. Oggi vive e lavora fra Berlino, Tel Aviv e Amsterdam. Ha studiato all’Academy of Arts and Design di Jerusalem (of Jerusalem/di Gerusalemme) (1992-1996), alla School of Visual Arts di New York (1999) e alla Rijksakademie di Amsterdam (2000-2001). 

scopri
acquista ora